La storia dell'astrologia Cristianesimo

Storia dell'astrologia in Cristianesimo

L'atteggiamento dei primi Padri della Chiesa verso l'astrologia appare per molti versi ambiguo, pur se, in linea di principio, prevalgono l'avversione e la condanna. Una vera e propria polemica antiastrologica traspare dall'opera di Tertulliano (155-220 d.C.), che considera la scienza delle stelle un'invenzione del demonio, strettamente legata alla magia, richiamando perciò i divieti degli imperatori contro di essa. Di un legame tra magia e astrologia è convinto anche Ippolito (170-235 d.C.), che oppone agli astrologi una serie di obiezioni, che ricalcano quelle di Sesto Empirico (filosofo greco della scuola scettica vissuto tra il II e III secolo d.C.): il diverso destino degli uomini nati nello stesso momento, l'impossibilità di determinare con precisione l'Ascendente, la scarsa affidabilità degli strumenti usati da essi. Origene (185-284 d.C.) condanna la pratica degli oroscopi (perché, se si pretende di prevedere, con l'oroscopo, qualcosa che è già "scritto", prestabilito, si nega la libera volontà dell'uomo e, quindi, anche la sua responsabilità), ma vede nei corpi celesti e nei loro moti dei segni del futuro: essi preannunciano le variazioni climatiche. Anche per Gregorio di Nissa (333-397 d.C.) l'astrologia è un prodotto diabolico e, nel Contra fatum ("contro il destino"), muove verso di essa le solite critiche: il diverso destino dei gemelli, la diversità degli oroscopi di coloro che muoiono nello stesso disastro. Contrario alla scienza degli astri si mostra Sant'Agostino (354-430 d.C.) che, tra l'altro, rispolvera il solito argomento dei gemelli dal diverso destino. Ma il vescovo di Ippona, nella sua contestazione dell'astrologia, riferisce anche un episodio. Il padre del suo amico Firmino, con un suo amico intimo, faceva oroscopi su oroscopi anche agli animali di casa. Quando la madre di Firmino rimase incinta di quest'ultimo, divenne gravida anche una schiava dell'amico paterno. Le due donne partorirono nello stesso istante e così ci si trovò a dover delineare l'oroscopo dei neonati da identiche posizioni degli astri. Ebbene, dice Agostino, Firmino "nato tra le grandezze della sua casa, correva le vie del mondo più promettenti, diventava sempre più ricco, copriva alte cariche; l'altro, per nulla riscattato dal giogo della schiavitù, continuava ad essere il servo dei suoi padroni". Agostino (che in gioventù, peraltro, si era appassionato all'astrologia) concede all'azione delle stelle soltanto il mutamento delle stagioni, l'origine delle maree e il comportamento di alcuni animali marini, come i ricci e le conchiglie. Assai deciso il suo rifiuto di qualsiasi teoria che metta in discussione, anche minimamente, il libero arbitrio e la responsabilità dell'uomo per i suoi atti.

Storia dell'astrologia.

 Consulta anche
Oroscopo di oggi
Scopri l'Oroscopo oggi segno per segno e scopri cosa ti riserva il futuro
Oroscopo di domani
Scopri l'oroscopo domani segno per segno e scopri cosa succederà domani
 Oroscopo della settimana
 Scopri cosa ti riservano le stelle questa settimana, segno per segno
Dizionario dei sogni dalla A alla Z
Capire il significato dei sogni è importante. Scopri come.
 Tarocchi

Oroscopo

 Astrologia

 Sogni

 English

Privacy
  Privacy


  Cerca con Google

Sogni e Numeri

Cerca il tuo sogno


Tarocchi di coppia

Affinità di Coppia